Territorio & Eventi

Asti, viaggiare in bici nei Paesaggi Unesco: una tre giorni cicloturistica nei Patrimoni dell'Umanità

Scritto da La redazione Mercoledì, 10 Ott 2018 - 0 Commenti

Il viaggio in bici "Pedalando nell'Unesco, tra benessere e natura" ha l'obiettivo di valorizzare le bellezze territoriali in Italia. L'edizione 2018 percorre gran parte della Regione Piemonte in tre tappe, parte da Acqui Terme il 19 ottobre per raggiungere Oropa, il 21 ottobre, dopo 328 chilometri di pedalata non agonistica.

Tre giorni sulle “due ruote” attraverso i territori piemontesi patrimonio dell'Umanità Unesco, alla riscoperta o scoperta delle “bellezze” definite uniche per valori di biodiversità certificati.

Il ritrovo e l'inaugurazione del percorso "Pedalando nell'Unesco, tra benessere e natura" si svolgerà venerdì 19 ottobre alle ore 10 a Novi Ligure (AL) al museo dei Campionissimi, luogo significativo per gli appassionati di cicslimo. Seguiranno poi altre visite dedicate alle due ruote a Bra (sede di arrivo della prima tappa) e Asti (sede di partenza della seconda tappa).

L'idea nata dodici mesi fa a Gianluigi Perazzi, direttore di Radio Acqui, appassionato sportivo di ciclismo, trova una prima edizione, evidentemente circoscritta, che permette allo sportivo acquese di elaborare il “progetto” presentato in Municipio ad Asti, più completo ed ampio.

 

 

La seconda edizione, in programma dal 19 al 21 ottobre prossimi prevede due pernottamenti degli atleti (per ora una ventina) nell'Albergo Etico di Asti.

Soddisfazione per la presenza in città di turisti-ciclisti che conferma Asti città accogliente Loretta Bologna, assessore al turismo e Mario Bovino, assesore allo sport.

“Siamo alla ricerca di nuovi sbocchi turistici e dopo l'accordo di fusione di Asti Turismo con Alba che darà sicuramente frutti, stiamo lavorando per farci conoscere con le nostre bellezze storiche e naturali”conferma Loretta.

“Una manifestasione di questo genere - ribadisce Bovino – va nella giusta direzione perchè abbina sport e turismo valorizzando l'attività outdoor e per Asti essere al centro di questa manifestazione conferma l'aspirazione ad essere centro attivo in materia”.

Il viaggio in bici, è organizzato dalla Bicicletteria Racing Team e Radio Acqui Vallebormida Monferrato in collaborazione con Regione Piemonte, i Comuni e i siti Unesco interessati e la Federazione ciclistica italiana.

Ad Asti i ciclisti partiranno da piazza San secondo alle ore 10 di sabato 20 ottobre con il taglio del nastro con l’Amministrazione comunale, per poi proseguire con la tappa che farà visita al santuario di Crea in direzione Lago Maggiore.

Un bike tour aperto a persone abituate alle Gran Fondo e amatori del pedale che non dovranno pensare di cimentarsi lungo il percorso ma bensì di fare dell'autentico “cicloturismo”. Come potranno convivere due “anime” della pedalata (agonistica e cicloturistica) sarà interessante verificarlo.

La risposta di Perazzi viene dall'organizzazione (Bicicletteria Racing Team e Radio Acqui Vallebormida Monferrato), che ha pensato a tutto, almeno questo è l'auspicio, con pulmini al seguito che, per i “dilettanti”, interverranno nel corso delle tappe quando scatterà il fatidico “basta”, oppure “mi arrendo”.

Perchè “Pedalando nei Patrimoni Unesco”, non è una passeggiata: 328 chilometri suddivisi in tre tappe di un certo impegno (dislivello sul percorso, 3 mila 500 metri), dove comunque non ci si può improvvisare per coprirlo interamente.

“Con questo sistema misto allarghiamo il lotto dei partecipanti - dice ancora Giancarlo – All'agonismo uniamo la voglia di sport all'aria aperta apprezzando paesaggi e luoghi di cultura disseminati lungo il percorso, pensato in funzione Unesco”.

Il “Viaggio in bici” è stato preparato con la collaborazione di Regione Piemonte, i Comuni ed i siti Unesco attraversati dalla “carovana” e dalla Federazione Ciclistica Italiana e si sviluppa in tre tappe.

Si apre venerdì 19 ottobre con la Acqui Terme – Bra (si pernotta ad Asti dove il mattino dopo, da Piazza San Secondo, alle 10, si partirà verso Stresa (Lago Maggiore), rientro in serata nella città di Alfieri, per disputare domenica 21 ottobre la Superga – 0ropa, ultima fatica.

Quali saranno le visite nei siti Unesco o altri luoghi che verrano visitati nel corso delle tappe: le Cattedrali Sotterranee di Canelli, i centri del tartufo di Alba, i formaggi di Bra, il villaggio palafitticolo sotto il lago di Viverone, il Santuario di Crea, la Basilica di Superga il santuario di Oropa.

La quota di partecipazione comprensiva di assistenza giornaliera, ristori e visite siti Unesco prevede due tipologie di iscrizione: giornaliera di 30 euro comprensiva di rientro nella città di partenza e pacco di benvenuto.

Per l'intera tre giorni, si passa a 130 euro che prevede anche: trasferimenti, albergo (due notti comprensive di colazioni) e divisa di partecipazione Santero 958.

Informazioni 349.4480164 o sportpulitovitasana@gmail.com e iscrizioni giornaliere (con rientro alla sede di partenza) o dei tre giorni al team la Bicicletteria di Acqui Terme.

Luciana Monticone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


  • Adsense slot ID 9166920842">