Politica & Istituzioni

Asti, dopo i primi 8 intesa su "Controllo del Vicinato" fra Prefettura e altri 9 Comuni

Scritto da La redazione Martedì, 12 Giu 2018 - 0 Commenti

Verranno anche sottoscritti i “Patti per la sicurezza urbana” con i Comuni di Antignano, Baldichieri d’Asti, Calliano, Capriglio, Cassinasco, Cellarengo, Cocconato, Dusino San Michele, Ferrere, Incisa Scapaccino, Isola d’Asti, Montechiaro d’Asti, Montiglio Monferrato, Tonco e Valfenera.

La Prefettura di Asti informa che domani, mercoledì 13 giugno, alle ore 10.15, nel Palazzo del Governo, verranno sottoscritti due nuovi Protocolli di intesa per l’attivazione del progetto “controllo del vicinato”, rispettivamente con i Comuni di Canelli, Calosso, Cassinasco, Moasca e San Marzano Oliveto e con i Comuni di Cellarengo, Dusino San Michele, Ferrere e Valfenera d’Asti.

I due Protocolli fanno seguito agli analoghi documenti sottoscritti il 3 ottobre 2017 con i Comuni di Castel Boglione, Cessole, Loazzolo, Mombaldone, Monastero Bormida, Serole e Vesime e il 9 gennaio 2018 con il Comune di Asti, rivolto quest’ultimo principalmente alle Frazioni cittadine. In tal modo si estende alle diverse zone geografiche della provincia un modello di sicurezza integrata e partecipata che intende valorizzare percorsi di cittadinanza attiva, di partecipazione diretta alla cura del territorio e di coesione sociale.

Successivamente, alle ore 11, sempre in Prefettura, verranno sottoscritti i “Patti per la sicurezza urbana” con i Comuni di Antignano, Baldichieri d’Asti, Calliano, Capriglio, Cassinasco, Cellarengo, Cocconato, Dusino San Michele, Ferrere, Incisa Scapaccino, Isola d’Asti, Montechiaro d’Asti, Montiglio Monferrato, Tonco e Valfenera. Come già precisato in occasione della sottoscrizione di analoghi documenti con altri 19 Comuni astigiani il 6 e 7 giugno scorsi, la sottoscrizione dei Patti costituisce il presupposto per presentare istanza di finanziamento dei sistemi di videosorveglianza comunali ai sensi del decreto – legge 14/2017 in materia di sicurezza urbana e del decreto interministeriale attuativo del 31 gennaio 2018.

Nella stessa mattinata, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica esaminerà i progetti di videosorveglianza dei Comuni di Antignano, Cassinasco, Cerreto d’Asti, Chiusano d’Asti, Cocconato, Cossombrato, Incisa Scapaccino, Isola d’Asti, Moncalvo, Montafia, Montechiaro d’Asti, San Paolo Solbrito, Tonco e Villanova d’Asti, già firmatari di Patti per la sicurezza urbana. 
 


  • Adsense slot ID 9166920842">