Territorio & Eventi

Alba, delegazione albese in visita istituzionale a Medford

Scritto da La redazione Sabato, 7 Lug 2018 - 0 Commenti

La delegazione italiana è stata accolta in aeroporto nel tardo pomeriggio di mercoledì 4 luglio con un caloroso benvenuto a cura degli esponenti del comitato di gemellaggio Medford – Alba.

Dal 4 all'8 luglio il Sindaco di Alba Maurizio Marello insieme all'assessore ai Gemellaggi Anna Chiara Cavallotto, con il presidente del Consiglio comunale Roberto Giachino ed il membro del comitato di Gemellaggio Alba – Medford Pino Dutto, è in visita istituzionale a Medford (Oregon - Stati Uniti), città gemella di Alba dal 16 maggio del 1960.

La delegazione italiana è stata accolta in aeroporto nel tardo pomeriggio di mercoledì 4 luglio con un caloroso benvenuto a cura degli esponenti del comitato di gemellaggio Medford – Alba.

Poi, giovedì 5 luglio nella sede della Camera di Commercio, l’incontro con il presidente Brad Hicks. Nello stesso giorno, in Municipio il ricevimento istituzionale con il sindaco Gary Wheeler, la firma del libro degli ospiti, l’incontro  consigliare e gli interventi dei due sindaci di Alba e Medford.
 
Durante la prima giornata di visita la delegazione italiana ha anche incontrato Doug Snider, il figlio del Sindaco di Medford John Snider fautore del gemellaggio tra Alba e la città dell’Oregon negli anni ’60. Presente anche Robin Snider, figlia di John Snider junior e nipote di John Snider.

«Una splendida accoglienza che testimonia il profondo legame molto vivo tra le due città – sottolinea il Sindaco Maurizio Marello dagli Stati Uniti – Con questa visita si è ulteriormente rinsaldato il legame di un gemellaggio che funziona molto bene. Il primo per Alba e l’unico per Medford».
 
Il gemellaggio tra Alba e Medford ha compiuto e festeggiato 50 anni nel 2010.

E' stato siglato dopo che, in piena «guerra fredda», gli Stati Uniti sentirono la necessità di stringere rapporti di amicizia all'estero, non soltanto tra governi, ma soprattutto tra i popoli e la gente. Fu così che il presidente Dwight D. Eisenhower lanciò l'iniziativa «People to people» con l'intento di creare amicizie tra le comunità. Furono così individuate, in tutto il mondo, un certo numero di città che potessero avere un legame con altrettante città americane.

Alba venne segnalata per avere affinità con Medford, nell'Oregon, lato ovest degli Stati Uniti d'America: stessa latitudine geografica, numero di abitanti a quel tempo molto simile, vocazione agricola prevalente.

Fatte le presentazioni e verificato il reciproco gradimento, il 16 maggio del 1960 il Consiglio Comunale di Alba deliberò il gemellaggio. Furono i due sindaci di allora John W. Snider e Osvaldo Cagnasso a trasformare il gemellaggio da atto burocratico in qualcosa di reale, intuendo l'occasione per ampliare gli orizzonti dei cittadini creando in loro una mentalità internazionale.

Un importante momento del gemellaggio, appena agli inizi, fu il coinvolgimento delle due città in un evento tecnico-scientifico. Si stavano effettuando a quel tempo i primissimi lanci nello spazio di satelliti geo stazionari per telecomunicazioni civili: Alba e Medford si collegarono telefonicamente tramite il satellite Telestar e questa telefonata, avvenuta il 24 luglio del 1962, provocò una grande emozione.

Da allora centinaia di cittadini di Alba e di Medford hanno attraversato l'Atlantico per andare a conoscere i propri «gemelli».

Successivamente i veri protagonisti del gemellaggio sono stati i giovani. A partire dal 1980 moltissimi sono stati gli scambi tra studenti in soggiorno ad Alba ed a Medford per esperienze scolastiche ed in famiglia.

Con il coinvolgimento di tutte le scuole di Alba negli anni sono nati legami di amicizia tra tantissimi ragazzi e le loro famiglie.


 


  • Adsense slot ID 9166920842">