Cronaca

Alba, alla Fiera del Tartufo i Carabinieri scoprono 415 forme di formaggio senza rintracciabilità

Scritto da La redazione Sabato, 3 Nov 2018 - 1 Commenti

Una decina di illeciti sia di natura penale che amministrativa, in particolare per quanto riguarda la tracciabilità degli alimenti esposti in vendita e lo sfruttamento del lavoro nero. 

I Carabinieri Forestali del N.I.P.A.A.F. (Nucleo Investigativo ambientale e agroalimentare) e della Stazione di Alba, congiuntamente ai Carabinieri del NIL (Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro) di Cuneo, hanno effettuato una serie di controlli in alcuni stand dell’88 esima Fiera del Tartufo di Alba.

Dagli accertamenti sono emersi una decina di illeciti sia di natura penale che amministrativa, in particolare per quanto riguarda la tracciabilità degli alimenti esposti in vendita e lo sfruttamento del lavoro nero. 

Per quanto concerne gli illeciti amministrativi in materia di sicurezza agroalimentare, ovvero per mancata rintracciabilità nella filiera dei prodotti in vendita, sono stati sequestrati n. 415 forme e circa 120 porzioni di formaggio stagionato, per un valore commerciale di oltre 15 mila euro. 

Anche i controlli in materia di lavoro nero condotti dal NIL hanno portato alla luce diverse situazioni irregolari, 7 i lavoratori in nero accertati.

In particolare 2 titolari di attività sono stati deferiti alla Procura di Asti per l’installazione di impianti di videosorveglianza non autorizzati e sanzionati per violazioni relativi all’impiego di lavoratori irregolari.

Un’attività commerciale è stata sospesa per aver occupato il 100% dei lavoratori senza regolare contratto.

Ai trasgressori sono state inoltre elevate complessivamente sanzioni amministrative per circa 30 mila euro ed ammende per oltre 800 euro. 

        


  • Adsense slot ID 9166920842">

Condividi questo articolo

Ti potrebbe interessare anche..